Vittorio Scribano

Professore associato di Petrologia e Petrografia [GEO/07]
Sezione di appartenenza: Scienze della Terra
Ufficio: Sezione Scienze della Terra, Corso Italia, 55, Catania
Email: scribano@unict.it
Telefono: 0957195743
Sito web: vittorio.scribano



 

Pubblicazioni più significative:

 

-SCRIBANO, V.,  CARBONE, S.,  MANUELLA,F.C.,  HOVLAND, M., RUESLÅTTEN, H.,  JOHNSEN, H-K (2017). Origin of salt giants in abyssal serpentinite systems.  Int J Earth Sci (Geol Rundsch), 106:2595-2608

 

-SIMAKOV, S., KOUCHI, A., MEL'NIK, N. N., SCRIBANO, V., KIMURA, Y., HAMA, T., SUZUKI, N., SAITO, H. & YOSHIZAWA, T. (2015). Nanodiamond finding in the Hyblean shallow mantle xenoliths. Scientific Reports 5, doi:10.1038/srep10765.

 

-MANUELLA, F. C., SCRIBANO, V., CARBONE, S. & BRANCATO, A. (2015). The Hyblean xenolith suite (Sicily): an unexpected legacy of the Ionian-Tethys realm. International Journal of Earth Sciences DOI: 10.1007/s00531-015-1151-9.

 

-SCIRÈ S., CILIBERTO E.,  CRISAFULLI C. , SCRIBANO V.,  BELLATRECCIA F.,  DELLA VENTURA G.  (2011) Asphaltene-bearing mantle xenoliths from Hyblean diatremes, Sicily. Lithos 125,  956–968

 

- SCRIBANO V., VICCARO M., CRISTOFOLINI R., OTTOLINI L. (2009) Metasomatic events recorded in ultramafic xenoliths from the Hyblean area, Southeastern Sicily, Italy. Mineralogy and Petrology 95, 235-250.

 

- CILIBERTO E., CRISAFULLI C., MANUELLA F. C., SAMPERI F., SCIRÈ S., SCRIBANO V., VICCARO M., VISCUSO E., (2009) Aliphatic hydrocarbons in metasomatized gabbroic xenoliths from Hyblean diatremes, Sicily): Genesis in a serpentinite hydrothermal system. Chemical Geology. 258, 258-268. 

 

- SCRIBANO V., IOPPOLO S., CENSI P. (2006) Chlorite/smectite-alkali feldspar metasomatic xenoliths from Hyblean Miocenic diatremes, Sicily, Italy): evidence for early interaction between hydrothermal brines and ultramafic/mafic rocks at crustal levels. Ofioliti 31, 161-171.

 

-SCRIBANO V., SAPIENZA G., BRAGA R., MORTEN L. (2006) Gabbroic xenoliths in tuff-breccia pipes from the Hyblean Plateau: insights into the nature and composition of the lower crust underneath South-Eastern Sicily, Italy. Mineralogy and  Petrology 86, 63-88.

 

-SAPIENZA G, HILTON D.R, SCRIBANO V. (2005). Helium isotopes in peridotite mineral phases from Hyblean Plateau xenoliths (south-eastern Sicily, Italy). Chemical Geology, vol. 219, p. 115-129, ISSN: 0009-2541.

 

- SAPIENZA G., SCRIBANO V. (2000). Distribution and representative whole-rock chemistry of deep-seated xenoliths from Iblean Plateau, south-eastern Sicily, Italy. Periodico di Mineralogia, vol. 69, p. 185-204, ISSN: 0369-8963.

-PUNTURO R, KERN H, SCRIBANO V., ATZORI P (2000) Petrophysical and petrological characteristics of deep-seated xenoliths from Hyblean Plateau, south-eastern Sicily, Italy: suggestions for a lithospheric model. Mineralogica et Petrographica Acta, Vol. 43, P. 1-20, Issn: 0540-1437.

 

-TONARINI S., DORAZIO M., ARMIENTI P., INNOCENTI F., SCRIBANO V. (1996) Geochemical features of eastern Sicily lithosphere as probed by hyblean xenoliths and lavas. European Journal of Mineralogy, Vol. 8, P. 1153-1173, Issn: 0935-1221.

 

-DE VIVO B, LIMA A, SCRIBANO V. (1990). CO2 fluid inclusions in ultramafic xenolith from the Iblean Plateau, Sicily, Italy. Mineralogical Magazine, vol. 54, p. 183-194, ISSN: 0026-461X.

 

-SCRIBANO V. (1987) The ultramafic and mafic nodule suite in a tuff-breccia pipe from Cozzo molino (Hyblean Plateau, SE Sicily). Rendiconti della Società Italiana di Mineralogia e Petrologia, Vol. 42, P. 203-217, Issn: 0037-8828

La mia attività di ricerca è stata condizionata  dalla scoperta, effettuata da me stesso nel 1986, di  numerosi xenoliti ultrafemici in alcune rocce vulcaniche degli Iblei, soprattutto nelle tufo-brecce dei diatremi Tortoniani. Il campionamento e lo studio petrologico e geochimico degli xenoliti iblei ehanno richiesto molti anni di duro lavoro, difficilmente quantificabile secondo i parametri bibliometrici vigenti, e ha portato all’ipotesi del tutto inaspettata  che questi xenoliti derivano da un core-complex oceanico fossile ascrivibile al dominio litosferico  della Tetide Ionica ed esumato al fondo dell’oceano già nel Trias Inferiore. In aggiunta, i dati acquisiti in questa ricerca hanno suggerito che le rocce ultrafemiche del suddetto core-complex hanno subito, nel tempo,  una estesa ed intensa serpentinizzazione che, tra l’altro,  ha favorito la formazione di idrocarburi abiogenici, di nanodiamanti e di un gigantesco accumulo di sali marini nelle stesse serpentiniti. In questa nuova ottica  andrebbe riconsiderata l’evoluzione geologica e l’assetto geodinamico dell’area corrispondente all’odierno  Mediterraneo Centrale  ponendo una attenzione particolare  alle potenzialità produttive della provincia petrolifera Iblea. Sarebbe anche da riconsiderare l'origine del "gigante salino" presente al di sotto dei fondali del Mediterraneo e talora affiorante (per es. in Sicilia) e ritenuto, fino ad ora, di natura "evaporitica". Ho anche svolto e svolgo ricerche sugli aspetti petrologici e geochimici di rocce vulcaniche degli Iblei e dell’Etna e dal 1981 al 1996 ho effettuato assidue osservazioni sugli stili eruttivi dei crateri sommitali dell’Etna nell’ambito dell’allora esistente Gruppo Nazionale di Vulcanologia del CNR.